Perché non potrai più fare a meno della nostra Crema di Nocciola del Piemonte IGP

Aggiornamento: 5 feb


Se sei un amante della crema di nocciola conoscerai senz'altro la marca più blasonata al mondo e avrai già assaggiato tutte le creme che è possibile trovare sugli scaffali del supermercato. Per alcuni è un legame affettivo, la spalmabile di Ferrero è un mito italiano famoso in tutto il mondo. Entrato a pieno diritto nell'immaginario collettivo tanto da meritarsi un #worldnutelladay. Eppure, se le hai davvero provate tutte forse anche tu, come noi, cerchi qualcosa di più.


Abbiamo due chiodi fissi: la qualità delle materie prime e una lista ingredienti più breve possibile. Con queste due basi portanti della nostra filosofia, ottenere una spalmabile golosa e cremosa al punto giusto sembrava una sfida impossibile. Alla fine abbiamo trovato il giusto compromesso raggiungendo la percentuale perfetta di nocciole, rigorosamente nocciola Piemonte I.G.P.


Che cos'è la la Nocciola del Piemonte I.G.P?

L’IGP identifica i prodotti agricoli e alimentari originari di un territorio in cui si svolge almeno una delle fasi di produzione e ai quali sono attribuibili: la qualità, la reputazione e altre caratteristiche particolari di pregio.


La Nocciola Piemonte IGP è stata riconosciuta ufficialmente con Decreto Ministeriale il 2 dicembre 1993 con un Disciplinare di Produzione che ne stabilisce le caratteristiche, dalla cultivar all’area di produzione, ai sistemi di coltivazione, alla commercializzazione e all’etichettatura.

L’IGP Nocciola Piemonte si riferisce pertanto alla cultivar di nocciolo Tonda Gentile Trilobata, prodotta in Piemonte tra le colline delle Langhe, Roero e Monferrato.


La NUCULA del frutto presenta una forma sub-sferoidale o parzialmente sub-sferoidale trilobata; dimensioni non molto uniformi, con calibri prevalenti da 17 a 21 mm; guscio di medio spessore, di color nocciola mediamente intenso, di scarsa lucentezza, con tomentosità diffuse all’apice e striature numerose, ma poco evidenti; Il SEME di forma variabile (sub-sferoidale, tetraedrica e, talvolta, ovoidale); colore più scuro del guscio; per lo più ricoperto da fibre, con superficie corrugata e solcature più o meno evidenti; dimensioni più disformi rispetto alla nocciola in guscio; PERISPERMA di medio spessore, ma di eccellente distaccabilità alla tostatura; TESSITURA compatta e croccante; SAPORTI ED AROMI finissimi e persistenti; RESA alla sgusciatura variabile, ma comunque compresa tra il 40% ed il 50%.

(fonte: Disciplinare di produzione attualmente vigente a tutela della “Nocciola del Piemonte I.G.P. / Nocciola Piemonte I.G.P.”)


Quali sono gli ingredienti della Crema di Nocciola e Cacao?

Gli ingredienti della nostra crema di nocciole sono solo tre:

  • Nocciola del Piemonte IGP 55%

  • Cacao in polvere

  • Zucchero

Come tutti i prodotti OLIO&ORTI la lista ingredienti è corta e rigorosa: solo gli ingredienti migliori della tradizione agroalimentare italiana, lavorati con le più moderne tecnologie per garantirti un prodotto sano, buono e sicuro, che non ha bisogno di additivi o conservanti. Partire dalle materie prime migliori è la base, studiare il modo migliore di amalgamarle per offrivi la consistenza perfetta è la nostra sfida quotidiana.


Ecco perché tutte le creme spalmabili OLIO&ORTI hanno una cremosità irresistibile, capace di appagare anche i palati più raffinati. Questa golosa crema di nocciole saprà conquistare anche chi segue una dieta vegana, per ragioni di salute o etiche, e soprattutto può essere consumata anche dalle persone con intolleranze alimentari perché è senza latticini e glutine.


Una vera delizia per il palato. Un prodotto di altissima qualità dal sapore intenso di nocciola


Quali sono le proprietà della nocciola?

La nocciola ha un significativo contenuto di aminoacidi essenziali e di vitamina E, ottimo antiossidante e disattivante dei radicali liberi, e presenta il più alto rapporto monoinsaturi/polinsaturi rispetto ad altri tipi di frutta secca. La presenza di acido oleico (lo stesso presente nell’olio extra vergine d’oliva) favorisce il mantenimento del “colesterolo cattivo” a bassi livelli nel sangue, e di innalzare i livelli del “colesterolo buono”.



Come è nata la crema spalmabile alla nocciola?

Il legame tra il Piemonte e la nocciola ha radici storiche, per scoprire le origini della crema dobbiamo risalire a Bonaparte. Nel 1806 il cacao divenne quasi introvabile: Napoleone aveva imposto il blocco delle importazioni dall'Inghilterra, a causa della guerra.

Allora i maestri pasticceri torinesi iniziarono a miscelare il poco cacao rimasto, che ormai aveva raggiunto prezzi proibitivi, con la più economica Nocciola Tonda Gentile Trilobata: nasceva così la Gianduja.

Un successo inarrestabile. Fu poi verso il 1930, grazie alla passione di Emanuele Ferraris, che si diffuse nelle Langhe la coltivazione del nocciolo, più resistente e duraturo della vite.



24 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti